Posizioni yoga per ritrovare il tuo equilibrio

Lo yoga ormai sta diventando una disciplina sempre più popolare e non più una moda in stile New Age.

I suoi benefici sono molti: oltre a quello di donare benessere a mente e corpo, aiuta ad essere più focalizzati sulla propria vita e sui propri bisogni, ma soprattutto aiuta ad avere un corpo tonico, maggiore flessibilità e muscoli più forti.

Se vuoi provare a fare a casa qualche esercizio di yoga per ritrovare il tuo equilibrio, quelli che ti suggeriamo ti saranno d’aiuto. Se oltre a questi vuoi provare anche un po’ di pilates, leggi questo articolo.

In un caso o nell’altro, se sei alle prime armi prima affidati per un periodo ad una buona maestra e chiedile di mostrarti degli esercizi che poi riproverai facilmente a casa.

Ora libera la mente, mettiti a terra su un tappetino appoggiando il coccige ad un piccolo cuscino (meglio se è in memory) e cominciamo con il primo asana (la “posizione” in sanscrito).

5 posizioni yoga per ritrovare equilibrio

  1. La posizione del loto

Padmasana: è così che si chiama la posizione del loto in sanscrito.

Si tratta di una delle posizioni yoga più conosciute e importanti, il cui effetto si estende in tutto il corpo, favorendo anche la meditazione, tonificando i muscoli della schiena e aumentando la flessibilità delle gambe. Altri benefici sono la riduzione della pressione sanguigna e un miglioramento nella digestione.

Seduto sul tappetino, distendi le gambe: piega il ginocchio destro, prendi il piede e appoggialo sulla coscia sinistra. Avvicina il tallone verso la vita in modo che il dorso sia rivolto verso il basso, quindi fai appoggiare a terra il ginocchio. Tutto quanto va fatto allo stesso modo con la gamba sinistra.

Se all’inizio farai fatica, non ti preoccupare: è una posizione piuttosto avanzata e non sempre all’inizio risulta semplice. Se riesci a tenerla per 10 minuti sei già molto bravo!

Ora chiudi gli occhi e concentrati solo sul respiro: l’equilibrio ha bisogno di rigenerarsi in silenzio e in un ambiente privo di disturbi o distrazioni.

  1. La posizione di Shavasana

Questa posizione è quella che noi di Dormire meglio preferiamo in assoluto: infatti consiste nello sdraiarsi a terra a pancia in su, rilassando completamente ogni parte del corpo e cercando di liberare del tutto la mente da pensieri o preoccupazioni. La cosa più interessante è che aiuta ad avere un sonno più profondo: infatti questa posizione attiva la produzione del neurotrasmettitore del rilassamento (GABA) aiutando a combattere l’insonnia e lo stress.

  1. La posizione del diamante

Se quella del loto è troppo advanced, puoi provare quest’altra posizione: Vajrasana (la posizione del diamante o anche del tuono).

È molto semplice: inginocchiati a terra sedendoti sui piedi e mantenendo il dorso a terra. La schiena è dritta, la spina dorsale è in linea con il collo, lo sguardo è avanti. Puoi mantenere i piedi paralleli oppure uno sopra l’altro, mentre le mani sono appoggiate sulle ginocchia. Molto spesso è questa una posizione che precede uno stato meditativo.

Chiudi gli occhi. Resta immobile e in ascolto: lascia che la mente si unisca al corpo, mentre esiste solo il qui ed ora. Rilassa i muscoli, non pensare a nulla che non sia il tuo respiro e concediti del tempo per te.

  1. La posizione perfetta

Siddhasana è la posizione perfetta per la meditazione e fa parte delle posizioni sedute in Hatha Yoga.

Siediti a terra e incrocia le gambe: ginocchia e stinchi devono essere in contatto con il terreno. Ricordati di mantenere la schiena diritta, i piedi davanti al perineo e lo sguardo avanti. Rilassa le spalle e allunga le braccia appoggiando le mani sulle ginocchia.

Non praticare il Siddhasana se soffri di sciatica o hai problemi al bacino.

  1. La posizione del gatto

Questa posizione aiuta a respirare meglio e a migliorare la propria postura.

Mettiti a quattro zampe, come se fossi un gatto, allargando bene le dita delle mani sul tappetino. Ora inspira a fondo arcuando la schiena verso il basso e guardando verso l’alto; quindi espira, porta l’ombelico verso l’interno arcuando la schiena verso l’alto e guardando verso il basso.

 

Gli esercizi e le posizioni qui proposte non sono una sequenza completa, puoi eseguirne uno alla volta quando senti il bisogno di ritrovare serenità e vivere più in armonia la tua vita quotidiana.

Una pratica costante aiuta a vivere e a dormire meglio, ma anche ad affrontare lavoro e studio con maggior consapevolezza.

Se ti interessa approfondire l’argomento ti consigliamo di leggere il libro “Lo yoga di Yogananda” di Jayadev Jaerschky.

Ora che conosci questi ottimi trucchi, se vuoi scoprire come stai dormendo inserisci la tua email nel form e ricevi GRATIS il primo capitolo de “LA PRINCIPESSA SUL DORMILLO” che contiene il test di valutazione del tuo sonno.

Comments are closed.